Evitare INAIL senza mettere lo scambiatore

Evitare INAIL senza mettere lo scambiatore

Con il presente articolo è nostra premura sfatare un luogo comune, che riguarda l’abbinamento di una caldaia a pellet o di un termocamino o di una termostufa, ecc… con un impianto esistente dove è già presente una caldaia a gas.

E’ necessario premettere che se in un impianto termico vengono abbinati uno o più generatori di calore, la cui somma supera i 35 kW di portata termica, si rende obbligatorio presentare denuncia all’INAIL (Ex ISPESL) e prevedere l’inserimento di opportuni dispositivi di sicurezza, protezione e controllo come previsti dalla Raccolta R del 2009. La regolamentazione, destinata agli impianti di riscaldamento ad acqua calda sotto pressione, non si rende necessaria quando (nel caso di due generatori) i due apparecchi vengano separati idraulicamente o con dispositivi che non ne permettono il contemporaneo funzionamento.

Prendiamo a titolo di esempio un impianto esistente a radiatori alimentato con una caldaia a gas con produzione di acqua calda sanitaria istantanea, funzionante a vaso di espansione chiuso; se a questo impianto volessimo aggiungere un generatore ausiliario a pellet, la connessione idraulica più diffusa, per evitare la pratica INAIL, è quella di interporre tra la caldaia a pellet e l’impianto uno scambiatore con un circolatore sul primario (se non è già presente nella caldaia a pellet) e uno sul secondario come viene riportato nello schema in figura 1.

 Fig. 1

Una simile soluzione risulta poco economica, in quanto l’installazione di due circolatori e uno scambiatore a piastre risulta onerosa e soggetta nel tempo a manutenzione.

Una soluzione più semplice e sicuramente più economica (fig.2) è quella di interporre tra la caldaia a gas e il generatore a pellet una valvola deviatrice manuale (meglio del tipo a sfera a L figura 3), dove a seconda della posizione si può selezione un solo generatore per volta (figura 2 e 3) evitando così la contemporaneità di funzionamento. E’ possibile anche automatizzare il funzionamento sostituendo la valvola deviatrice a tre vie con una del tipo motorizzata e installando una centralina di gestione dedicata. Una sonda installata sull’uscita del generatore a biomassa rileverà la temperatura dell’acqua, se superiore al limite preselezionato la valvola a tre vie sarà deviata verso la caldaia a Pellet, in caso contrario devierà ed entrerà in funzione il generatore a gas.

Tutte le soluzioni proposte permettono di evitare la denuncia dell’impianto all’INAIL.

Fig. 2


Fig.3

 

 

 

 

2 Replies to “Evitare INAIL senza mettere lo scambiatore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: